Prodotti igiene casa

Pulizia e sanificazione in casa: scegli prodotti professionali

Mantenere la casa pulita e, soprattutto, sicura dalle varie contaminazioni è oramai divenuta una consuetudine.

Tutti noi siamo consci dell’importanza di applicare un metodo di pulizia pratico ed intuitivo.

Pertanto cerchiamo di capire in quale zone dell’abitazione è necessario un’intervento e quali sono i prodotti più efficaci da usare.

Il consiglio è quello di scegliere una linea di prodotti professionali perché garantiscono delle condizioni di pulizia e sanificazione maggiori.

Igienizzare i pavimenti: il primo passo per la tua sicurezza

I pavimenti sono un vero ricettacolo di batteri e germi, sopratutto se camminiamo per casa con le scarpe usate all’esterno.

Prima regola: cambiarsi le scarpe non appena entrati in casa!

Quindi il lavaggio del pavimento diventa fondamentale per eliminare germi e sporco raccolti per strada.

Operazioni da fare per l’igiene dei pavimenti

Anche se il tempo è sempre poco, il suggerimento è quello di agire (in modo costante) con le seguenti operazioni.

Rimuovi la polvere: rimuovere la terra, sabbia, briciole o peli di animali con l’aspirapolvere o un panno.

Lavare il pavimento: la fase del lavaggio necessita di uno spazzolone imbevuto in un buon detergente.

In base alla tipologia di pavimento (marmo, parquet, cotto ecc.) è buona norma utilizzare un detergente specifico. 

I detergenti che si trovano nella grande distribuzione sono spesso aggressivi e contengono additivi a base cera.

Questi se da un lato rendono più “brillanti” i pavimenti, dall’altro lasciano patine oleose sulle superfici e, di fatto, stratificano di lavaggio in lavaggio imprigionando lo sporco sotto queste barriere.

Il consiglio è di usare detergenti prodotti da aziende specializzate, come ALCASANITEC o CITROSIL (più specifici e professionali).

Procurati anche dei disinfettanti certificati, riconosciuti come presidi medico-chirurgici (vedi la linea professionale di Citrosil).

Lava spugne e stracci: terminata la pulizia è bene lavare gli stracci utilizzati in lavatrice a 60°.

Detergenti consigliati:

detergenti

Il bagno: come eliminare i batteri

In bagno è facile trovare zone di umidità dove le muffe prolificano. 

È bene arieggiare il locale per almeno 1 ora al giorno per favorire il ricircolo dell’aria umida e tenere sotto controllo gli angoli dei muri in modo da agire alla prima comparsa di macchie di muffa e condense.

Il bagno deve essere anche disinfettato.

Pulire sanitari e lavabi: per pulire le superfici in ceramica o altri materiali tecnici (corian e resine varie), si possono utilizzare degli disinfettanti ad alta concentrazione di ammonio ad azione antibatterica, che vanno poi rimossi e risciacquati con una spugna morbida.

Anche la rubinetteria può essere disinfettata con sgrassatori e detergenti.

Disinfettanti consigliati per te:

La cucina: dove esigere la pulizia

La cucina, assieme al bagno, è l’ambiente dove a causa della presenza d’acqua e di alimenti si accumulano più sporco e batteri.

È il cuore della casa e probabilmente è l’ambiente più vissuto. Per questo merita l’uso di prodotti detergenti HCCP (Hazard Analysis and Critical Point).

Mentre la pulizia del piano cucina ed utensili è necessaria dopo ogni processo di cottura, la frequenza del lavaggio di griglie e fornelli dipende dalla tipologia di cottura adottata e dalla mole di utilizzo della cucina stessa. 

Il prodotto più adatto alla pulizia di superfici, forni ed oggetti vari, che non possono essere lavati in lavastoviglie o nel lavello con acqua bollente e detersivi, è un  detergente sgrassante antibatterico.

In base alla tipologia di piano di lavoro, invece, è consigliabile utilizzare prodotti specifici come i disinfettanti concentrati per superfici.

Assieme alla superficie di appoggio per gli alimenti, è bene lavare in modo accurato e con frequenza anche il lavello.

Detergenti sgrassanti:

 

Scopri la linea professionale dei detergenti e disinfettanti per le varie superfici.

Scegli su shop.scribanet.com il prodotto che più ti serve e ricorda il servizio di Home delivery di Scriba!

 

Home delivery

aria

Pulisci l’aria in casa e in ufficio con i purificatori

La permanenza tra le mura domestiche ci constringe a valutare anche la qualità dell’aria all’interno dei locali di casa.

Fondamentale è l’apertura delle finestre di una stanza più volte al giorno e dopo lunghi periodi di permanenza nei luoghi chiusi.

Bene sarebbe dotarsi di purificatori d’aria per una costante azione di filtraggio dell’aria dalle varie impurità.

L’ambiente dove si trascorrono molte ore della giornata richiede la nostra attenzione.

Nell’aria di casa spesso ci sono particelle organiche, acari della polvere e batteri, che rendono inquinati gli spazi.

Scopri cosa usare per purificare l’aria

Ecco allora che ci sono varie tecnologie utili a filtrare l’aria in modo costante e oltre la consueta apertura delle finestre.

Questi elettrodomestici che ci vengono in aiuto sono i purificatori d’aria.

Come funzionano i purificatori d’aria

Ci sono varie categorie di purificatori d’aria.

Tra questi troviamo:

  • filtri a carbone attivo, composti da un filtro che trattiene le particelle inquinanti disperse nell’aria
  • ionizzatori, sistema che agisce tramite ioni positivi che catturano le sostanze inquinanti e assorbite, poi, da una piastra dotata di carica negativa
  • polarizzazione elettronica, macchine che emettono un campo elettrico con la funzione di trattenere le particelle inquinanti
  • irradiazione ultravioletta, dispositivi dotati di lampade UV (raggi ultravioletti) che distruggono le particelle organiche
  • sterilizzazione termodinamica, macchine dotate di una piastra in ceramica che distrugge le particelle inquinanti con il calore (200°).

Scopri

Purificatori d'aria

La nostra proposta del mese:

La giusta scelta: quale purificatore preferire?

Diversi sono i modelli in commercio.

Il consiglio è quell di valutare anche i consumi elettrici dei vari apparecchi e il costo dei vari filtri HEPA da sostituire.

Valuta anche la capacità di filtraggio e il volume d’aria che può essere trattato dal singolo apparecchio: questo per capire quale modello è adatto agli spazi da purificare.

Leggi anche: Purificare l’aria è un’azione sana e consigliata

Ricordati il servizio di Home delivery di Scriba.

Tutti gli articoli disponibili su shop.scribanet.com direttamente a casa tua!

 

Set scrivania smartworking

La scrivania sempre in ordine, in ufficio e per lo smart working

Con il proseguire dell’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus e alle sue varianti, molti sono coloro che si ritrovano ancora a lavorare da casa.

Ma sono anche molti i free-lance e i professionisti che hanno scelto di crearsi una stanza da lavoro in casa, con un angolo scrivania, magari per risparmiare sul costo dell’ufficio.

Mantenere la propria scrivania in ordine richiede metodo e attenzione.

Indispensabili sono i prodotti per l’ufficio utili a organizzarsi.

Una scrivania in ordine, inoltre, ti permette di lavorare meglio.

Un ufficio pulito e ben disposto, inoltre, è anche un bel biglietto da visita nei confronti di clienti. 

Ecco di seguito alcuni consigli del team di Scriba.

Come mantenere in ordine la scrivania, a casa ma anche in ufficio

Innanzitutto evita di accumulare documenti e materiale inutile: una scrivania sgombra e in ordine è segno di efficienza e di capacità organizzativa.

Comincia dalla tua postazione, elimina il superfluo e pensa a ciò che davvero usi durante la tua giornata al pc.

Se ci pensi, oltre a una buona lampada, a un porta documenti, a un porta penne, un blocco per gli appunti, cos’altro utilizzi di frequente?

L’azienda di prodotti per l’ufficio Leitz ha prodotto un utilissimo coordinato da scrivania che comprende: vaschetta porta documenti, contenitore per cassetto, caricatore per smartphone, porta penne, bottiglia termica e un porta oggetti con maniglia. 

Il tutto in tre colori: giallo, blu e grigio.

 

Il nuovo coordinato per la scrivania di Leitz: disponibile nei colori giallo, blu e grigio

Il coordinato Leitz Cosy: colorato, moderno e minimalista

Con questi oggetti dal design moderno e minimalista tieni in ordine la scrivania e dai al tuo ufficio un aspetto professionale.

La vaschetta porta documenti ti può servire per raccogliere le pratiche di cui ti devi occupare a breve o eventuali modelli da compilare. Ma anche il tablet o email che hai stampato e devi conservare.

Nel portatutto da scrivania puoi sistemare gli oggetti che ci tieni che rimangano in ordine. La maniglia ti permette inoltre di trasportarlo se devi spostarti in un altro ufficio o in sala riunioni.

La cassettiera da scrivania è utilissima per contenere ciò che usi spesso durante il giorno: quegli oggetti che vuoi avere a portata di mano come spillatrice, forbice, graffette e così via.

Questa di Leitz ha due scomparti: uno grande e uno piccolo.

Ci sono anche il portapenne e la bottiglia termica, che non possono mancare nella scrivania di uno smart worker!

Il portapenne di Leitz che vedi nell’immagine è in ceramica e la bottiglia termica, (in acciaio inossidabile) serve a ricordarti che è necessario bere durante la giornata.

Direi che té o caffé per rimanere svegli e attivi sono perfetti.

Anche tenere il carica batteria sottomano è una gran comodità: questo caricatore di Leitz è a induzione e ti permette di ricaricare facilmente il tuo smartphone.

L’idea di Leitz, con questo coordinato in tre colorazioni, è l’occasione giusta per rinnovare gli accessori principali della tua scrivania.

Attorniarsi di oggetti colorati aiuta la mente ad essere stimolata e a rendere accogliente l’angolo di lavoro.

L’invito è quello di cogliere il momento e personalizzare la propria scrivania!

Leggi anche: Scegli l’ordine in ufficio: 8 consigli utili per stare bene

Approfitta del servizio delivery di Scriba e ordina tutto ciò che ti serve su shop.scribanet.com!

Spedizioni

appunti DAD

Come prendere appunti in modo efficace, anche in DAD

Anche con la didattica a distanza (DAD) è fondamentale prendere gli appunti in modo efficace.

Anzi, mancando il contatto con i docenti e i compagni è ancora più importante trasformare le ore di lezione in momenti di massimo apprendimento per poi faticare meno per ricordare.

Come prendere gli appunti?

Non serve scrivere tutto: schematizzare le lezioni semplifica lo studio e permette di ottenere buoni risultati.

Vediamo insieme quali sono i metodi collaudati per prendere appunti in modo efficace.

Molti ragazzi prendono appunti digitando su una tastiera.

Il nostro consiglio è quello di scrivere gli appunti a mano.

Il metodo tradizionale con carta e penna ti permette di capire e ricordare più facilmente ciò che scrivi rispetto a coloro che digitano. 

Questo perché scrivendo su un portatile è facile entrare in modalità “trascrizione”: digitare cioè tutto ciò che viene detto invece di cercare di capire in modo ragionato quali siano le cose più importanti da scrivere. 

Scrivere a mano, inoltre, favorisce la concentrazione.

La scrittura negli appunti: perché è importante?

Prendere bene gli appunti durante le lezioni è un ottimo modo per risparmiare tempo e fatica quando dovrai studiare.

Infatti, mentre scrivi a mano i tuoi appunti, riesci a capire quali sono i concetti che più interessano al professore e che potrebbe chiederti nell’interrogazione.

Ma qual è la giusta tecnica per prendere appunti?

Innanzitutto dovrai avere a disposizione tutto il materiale necessario: matite, penne, gomme per cancellare, evidenziatori e blocchi a righe o a quadretti.

Puoi trovare tutto quello che ti serve nello store di Scriba a San Bonifacio (Verona), oppure ordinare nell’e-shop.

 

Servizio di Home delivery

 

Come prendere appunti in modo efficace

Ricordati che il tuo compito non è quello di trascrivere parola per parola.

Per prendere degli appunti in modo efficace il consiglio è di seguire questi 8 pratici accorgimenti.

1) Annota solo i concetti chiave

Preoccupati di segnare ciò che il professore dice riguardo i concetti chiave dell’argomento.

Eventuali nomi e date li puoi recuperare in un secondo momento sul libro.

2) Utilizza abbreviazioni 

Nel prendere appunti la velocità è un’arma fondamentale. A casa puoi permetterti di utilizzare le abbreviazioni e il linguaggio da sms (come “cmq” al posto dei “comunque”, le “x” al posto dei “per”, “tt” al posto di tutto o altro).

Ma solo nei tuoi appunti, mi raccomando!

3) Elimina le parole inutili per la comprensione del concetto

Elimina tutte quelle parole che non servono per comprendere il discorso: articoli, congiunzioni e preposizioni.

Il concetto sarà ugualmente comprensibile, ma sarai più veloce.

4) Focalizzati sulle informazioni che ti sono nuove

Non ti servirà a molto appuntare ciò che già sai.

5) Metti in evidenza i concetti importanti

Puoi scrivere in maiuscolo, sottolineare i concetti con pennarelli o evidenziatori.

Quando rileggerai i tuoi appunti ti sarà più facile individuare gli argomenti più importanti.

Post it_prendere appunti
Per prendere appunti in modo efficace usa i Post-it: sull’e-shop di Scriba li trovi in PROMOZIONE!

Scopri

6) Usa elenchi puntati e numerati

Gli elenchi sono molto utili per la memoria visiva: utilizzali se l’argomento te lo consente 

7) Utilizza simboli e fai schemi semplici

Utilizza frecce, pallini, tabelle, diagrammi: sono ottimi modo per ricordare gli argomenti chiave e associarlii tra loro.

8) Trascrivi e rileggi entro 24 ore

Appena finita la lezione (o nell’arco delle 24 ore) gli appunti sono da sistemare e integrare. In questo modo riuscirai a imprimere nella tua mente tutte le nozioni che ti serviranno per l’interrogazione o l’esame.

Nella fase di trascrittura ti consigliamo di utilizzare pennarelli colorati ed evidenziatori per dare maggior risalto ai concetti più importanti. 

Questo stimolerà la tua memoria visiva e ti aiuterà a rendere più piacevole lo studio e il ripasso.

Guarda sullo shop online di Scriba: troverai un’ampia scelta di articoli per la scrittura e gli appunti.

 

Potrebbe interessarti anche:

Pulizia mani

Come scegliere i prodotti igienizzanti più efficaci

Dato che la fase pandemica non si è ancora attenuata cerchiamo di capire quali sono i migliori prodotti igienizzanti indispensabili per contrastare batteri e virus.

Assieme all’uso di mascherine filtranti e al distanziamento di almeno 1 metro dalle altre persone, la regola della pulizia delle mani è consigliata anche delle autorità sanitarie.

Il mantra rimane quello di lavarsi le mani, il più spesso possibile, quando si toccano banconote, superfici comuni come maniglie di porte o prodotti esposti nei supermercati.

Detergenti e disinfettanti: ecco la differenza

I termini detergente e disinfettante sono spesso confusi tra loro.

Mentre il primo ha lo scopo di rimuovere lo sporco (detergere), il secondo è formulato per diminuire la presenza di batteri, funghi, e/o virus (disinfettare).

Tra i prodotti disinfettanti ci sono i gel idroalcolici che sono i più efficaci e immediati da usare.

La loro componente alcolica (minimo 70% di alcool) che evapora velocemente a contatto con l’aria permette di lavarsi le mani senza usare l’acqua per risciaquarsele.

Un consiglio: tieni sempre con te una boccetta di gel (mettine una in macchina e una nel cassetto della scrivania).

Sono prodotti divenuti insostituibili nella vita quotidiana se non hai accesso all’acqua corrente.

Tieni conto che esistono anche salviettespray igienizzanti e kit per l’ufficio.

Guarda bene, inoltre, le proprietà: antibatterico, antisettico o antimicrobico.

Fai attenzione a pulire solo le mani in quanto per altri parti del corpo oppure oggetti esistono altri prodotti specifici.

 

Igienizzanti

Scegli gli articoli in promozione da Scriba:

Lavarsi le mani: operazione fondamentale

L’uso dell’acqua e del sapone per lavarsi le mani è la maniera più efficace per prevenire il contagio da Coronavirus o da altri virus.

Il normale sapone, infatti, rimuove lo strato lipidico della pelle su cui proliferano i batteri mentre i gel igienizzanti limitano solamente la proliferazione microbica e rendono ostile la superficie del punto di contatto.

Come lavarsi le mani in modo corretto

Ogni volta che si tocca un oggetto potenzialmente contaminato è bene lavarsi le mani soprattutto se c’è il rischio di toccarsi la bocca o gli occhi.

Ecco le operazioni principali

Dopo aver bagnato le mani e cosparse con un normale sapone, bisogna strofinare i palmi (immagine 2), quindi incrociare le dita (immagine 3), intrecciare le dita (immagine 4) e infine opporre i palmi con le dite racchiuse (immagine 5).

E non dimentichiamo il pollice.

Questa operazione deve durare almeno 40 secondi per essere sicuri che sia efficace.

Vi ricordiamo che i consigli di strofinamento indicati dai punti 2 al 4 vanno utilizzati anche quando si puliscono le mani con gel idroalcolici.

 

Come lavarsi le mani
Lavarsi le mani è fondamentale per evitare il contagio dal virus

 

In commercio dunque è possibile reperire tutti questi articoli dedicati a detergere e disinfettare ambienti comuni e le parti del corpo più esposte al contagio.

Da lunedì siamo in ZONA ROSSA e pertanto approfitta del servizio di Home Delivery di Scriba.

Scegli, ordina e aspetta il corriere che consegna in un battibaleno!

 

Home delivery

mascherina ffp2

Scegli la sicurezza contro il Covid-19 con l’uso delle mascherine FFP2

La protezione contro il COVID-19 e le sue varianti, che si stanno diffondendo in questi mesi, è assicurata dall’uso delle mascherine FFP2.

L’acronimo FFP (Filtering Face Piece) è associato a un numero in base alla classe di efficienza filtrante delle mascherine.

Sono 3 i modelli di questi dispositivi di protezione in commercio: FFP1, FFP2 e FFP3.

La loro funzione è quella di proteggere chi le indossa contro le particelle fini e le polveri. La normativa che riguarda la certificazione di questi dispositivi è la EN 149: 2001.

Le mascherine certificate CE

Una mascherina FFP2 per essere venduta deve ottenere il Certificato di Conformità da un ente riconosciuto dalla Commissione Europea. Con questo bollino CE il produttore è tenuto a produrre la mascherina con tutti i requisiti a norma di legge.

Per quanto riguarda le mascherine FFP2 con la scritta della classe di filtrazione KN95 bisogna specificare che la norma di produzione riguarda quella cinese (la GB2626-2006).

Pertanto non essendoci una norma armonizzata tra Europa e Cina ecco la differenza tra le due leggi.

Questo, però, non pregiudica la qualità di filtrazione di queste mascherine (di almeno il 95% delle particelle esterne) reperibili sul mercato italiano.

Azione filtrante contro il COVID-19

Le mascherine FFP2 sono un ottimo elemento di protezione contro il Coronavirus, anche in ambienti chiusi.

Usate in molti settori lavorativi per ridurre l’esposizione dell’indossatore a polveri sottili e microparticelle, oggi sono ampiamente consigliate.

Scelte dal personale sanitario e da tutti quei soggetti a rischio (anziani e persone con ridotte difese immunitarie) sono un dispositivo essenziale per chiunque si trovi in ambienti affollati o ad alto rischio di contagio.

 

Mascherine ffp2
Scegli tra le mascherine in Promozione le FFP2 senza valvola, FFP2 mod. 3M e FFP2 Deltaplus

Come usare le mascherine FFP2

L’uso delle mascherine filtranti richiede alcuni accorgimenti:

  • Prima di maneggiare la mascherina bisogna lavarsi le mani, con gel idroalcolico o sapone
  • Indossare la mascherina dagli elastici evitando di toccare la parte interna
  • Far aderire i bordi della mascherina al viso stringendo la clip di fissaggio al naso
  • Evitare di togliere e rimettere la mascherina durante l’utilizzo. A fine utilizzo rimuoverla sempre sollevandola dagli elastici senza toccare la parte esterna.
  • Essendo un dispositivo monouso evitare di usarlo per più di 8 ore complessive in quanto la capacità filtrante potrebbe ridursi.

Rispetta le regole di utilizzo per la tua sicurezza

I dispositivi filtranti di tipo FFP2 sono quindi un ottimo metodo di protezione dalle particelle in entrata, circa il 95%, e di quelle in uscita con il 99%.

La loro efficacia deve essere accompagnata dal rispetto delle altre regole di igiene e prevenzione:

  • Distanziamento fisico di almeno 1 metro (meglio di più se possibile in quanto le coccioline di saliva emesse da uno starnuto possono arrivare fino a 8 metri di distanza)
  • Igienizzazione delle mani e degli oggetti con soluzioni alcoliche (min.70% di alcool).

Trascurare o non rispettare queste semplici azioni può aiutare la diffusione del virus e, in questa situazione contingente, è richiesta la collaborazione e l’impegno di tutti noi.

Scegli la tua mascherina FFP2 tra le offerte di shop.scribanet.com oppure passa dal negozio di San Bonifacio (Verona).

Spedizioni