cornici magnetiche

Scegli la cornice magnetica DURAFRAME® per il tuo ufficio

In ufficio appendere un avviso o un elenco operazioni richiede continue rimozioni di scotch adesivo, puntine o scomodi chiodi.

Quante volte, durante al giorno, devi rimuovere il foglio per scriverci un appunto o segnare l’orario dell’intervento?

Ora la possibilità di appendere il foglio con una semplice azione c’è: con DURAFRAME® la cornice dal pannello magnetico in un attimo hai risolto il problema.

La cornice espositiva adesiva DURAFRAME® ti permette con un semplice gesto di alzare la copertina protettiva e cambiare il foglio.

Sai come si usa?

Scopri come usare DURAFRAME®

La possibilità di far aderire la cornice DURAFRAME® a superfici lisce e solide ti permette di non perdere più tempo con adesivi o chiodi.

Cambia abitudine ed esponi i tuoi avvisi con stile!

Con 3 semplici operazioni puoi esporre avvisi e materiale informativo in tutta semplicità:

  1. applica il pannello, di varie misure, alla superfice
  2. alza il lembo del pannello magnetico
  3. inserisci il foglio e abbassa il lembo del pannello trasparente.

 

Cornice magnetica Duraframe
Scopri la linea di cornici magnetiche DURAFRAME®:  cornice espositiva, Duraframe magnetic, cornice magnetica per magazzini, cornice Duraframe con bordo silver

Scegli anche tu la praticità di DURAFRAME®  

Ecco i vantaggi del pannello magnetico:

  • Presentazione ordinata e professionale di avvisi e materiale informativo.
  • L’inserto è facilmente sostituibile semplicemente sollevando il pannello magnetico.
  • Aderisce perfettamente su superfici lisce e solide ed è rimovibile dalle superfici come il vetro.
  • Per esporre documenti f.to A4.
  • Su superfici vetrate permette la visualizzazione delle informazioni da entrambi i lati.
  • Cornice identica da entrambi i lati.
  • Utilizzabile sia in posizione verticale sia in orizzontale.
  • Dimensioni esterne: 236 x 323 mm.

La soluzione semplice e più usata

Questa cornice espositiva a fissaggio adeviso nel formato A4 è la soluzione più scelta negli uffici per la sua semplicità d’uso.

DURAFRAME® aderisce perfettamente a tutte le superfici lisce e non lascia residui di colla se viene rimossa.

L’inserto da inserire all’interno della cornice può essere sostituito con facilità grazie al pannello frontale con chiusura magnetica.

Ecco che presentare le informazioni al pubblico è un’operazione facile e dona un tocco professionale a tutto l’ambiente di lavoro.

 

Cornici magnetiche

 

Inizia anche tu ad usare la conice DURAFRAME® e scopri gli articoli di Durable, azienda leader nelle forniture per ufficio, che si differenziano per usabilità e adattabilità per ogni esigenza in ufficio, negozio e casa.

Visita il nostro shop.scribanet.com oppure passa da Scriba a San Bonifacio (Verona) per provare i prodotti della linea DURAFRAME®.

Si ti interessa approfondire leggi anche: Gestisci al meglio i tuoi promemoria: scopri la clip adesiva Durafix

 

 

ufficio sostenibile

Crea un ufficio eco-sostenibile: 9 consigli utiili

In questi ultimi anni è aumentata l’attenzione verso la progettazione di un ufficio eco-sostenibile.

Un ambiente di lavoro che permette di vivere al meglio gli spazi condivisi, con un occhio a preservare l’ambiente.

Negli uffici si trascorrono gran parte delle giornate, ed è proprio qui che spesso avvengono sprechi di risorse e di energia.

Ecco che il concetto delle 3 R, cioè Riduci, Riutilizza e Ricicla diviene prioritario e da considerare.

Sapevi che quasi la metà dei rifiuti urbani arriva dagli uffici?

Con un po’ di collaborazione e impegno tutti noi dovremmo sensibilizzarci in aiuto dell’ambiente.

Oggi vediamo insieme alcuni accorgimenti e buone abitudini per rendere l’ufficio ecologico.

Inoltre è possibile migliorare gli spazi di lavoro aumentando anche la produttività aziendale.

Come rendere l’ufficio ecologico: 9 consigli

1. Preferisci i prodotti ricaricabili

Scegli penne e cartucce per stampanti ricaricate o riciclabili. La struttura di plastica che contiene l’inchiostro, per esempio, con le dovute tecniche è riutilizzabile.

Per una scrittura eco-sostenibile scegli le Penne Schneider.

penne schneider
Penne e marcatori Schneider in PROMO sul nostro e-shop fino al 05/02/2024

Conserva imballaggi e scatole, che potranno essere riutilizzati per trasportare o inviare oggetti.

Quando lo spessore del cartone lo permette è buona pratica compattare questi imballaggi e ricostruirli nel momento del bisogno.

2. Scegli tecnologia a lungo termine

Scegli prodotti tecnologici che garantiscano una lunga durata, dai monitor del pc alla stampante, al distruggi documenti.

Il prezzo degli articoli è, in questo caso, un elemento per capire la qualità dei componenti.

Perché come dice il detto: “Chi meno spende più spende”.

3. Utilizza un distributore automatico di acqua, bevande e caffè

I distributori automatici di acqua e bevande sono un risparmio di denaro e un vantaggio per i dipendenti, ma consentono anche di limitare il consumo di materie prime e trasporti. 

Ricorda di accendere le macchinette del caffè solo quando serve e ai bicchieri di plastica preferisci tazze o tazzine in vetro o ceramica. 

Una soluzione potrebbe essere quella di fornire tazze con il logo dell’azienda, oppure consigliare i dipendenti di portare da casa le loro tazze.

In questo modo si crea un ambiente di lavoro simpatico, limitando gli sprechi e dando a tutti la sensazione di trovarsi a casa.

Da quest’anno noi di Scriba abbiamo pensato anche al caffè!

Scopri le nostre proposte sulle macchine EsseCaffè!

 

penne schneider
Macchina caffE’ S20 Essse Caffè. In PROMO fino al 05/02/2024

4. Prodotti di cancelleria riciclati o riutilizzabili: vengono usati nel tuo ufficio?

Preferisci, se possibile, cartelline e arredi prodotti con materiali riciclati o facilmente smaltibili.

Se parliamo di carta per la stampante, per esempio, la certificazione di sostenibilità si divide in FSC (Forest Stewardship Council) o PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification).

Il FSC un organismo internazionale è formato da gruppi ambientalisti e sociali (Greenpeace, WWF, proprietari di foreste, aziende della grande distribuzione, ricercatori e tecnici) che promuove la gestione responsabile di foreste e piantagioni.

Mentre il PEFC è un sistema di certificazione per la gestione sostenibile delle foreste e opera per promuovere il trattamento e la produzione di legnami nel rispetto degli standard ecologici, etici e sociali.

Quando scegli una risma di carta, pertanto, controlla la presenza di uno di questi loghi (FSC – PEFC) perché sono la garanzia che il legno, usato per la produzione di cellulosa, proviene da foreste gestite in maniera eco-sostenibile.

5. Limita i consumi di carta

Limita le stampe allo stretto necessario, ad esempio stampando fronte retro.

Ricicla vecchi fogli stampati per prendere appunti sul retro.

Inoltre, nell’ottica del risparmio di carta considera di leggere le email e documenti direttamente sul computer, senza stampare su fogli che poi andranno a finire nel cestino.

6. Fai la raccolta differenziata

Anche in ufficio è importante effettuare una corretta raccolta differenziata dividendo carta, plastica e altri materiali. 

Sapevi che quasi la metà dei rifiuti urbani arrivano dagli uffici?

Con un po’ di impegno si riuscirà ad aiutare l’ambiente.

Cerchi dei raccoglitori per dividere i rifiuti in ufficio?

Possiamo aiutarti: guarda le proposte sul nostro e-shop.

penne schneider
Contenitore EcoCab 3 per raccolta differenziata

7. Riduci gli sprechi di energia

Le normali regole di risparmio energetico vanno rispettate anche sul luogo di lavoro: spegni il computer quando vai in pausa e le luci quando ti allontani, anche se solo per una veloce riunione.

Scegli macchine per ufficio eco-friendly con autospegnimento alla fine del ciclo operativo oppure con motori che utilizzano anche l’energia accumulata durante la fase di utilizzo.

Ti interessa approfondire l’argomento della sostenibilità aziendale?

Iscriviti alla nostra newsletter, ti invieremo informazioni utili sul tema
e in più otterrai un buono sconto da 20 Euro da scaricare subito
e utilizzare sui prossimi acquisti! Approfittane!

 

APPROFITTA DELLA PROMOZIONE IN CORSO !
20€ di sconto
in store & online

 

 

8. Crea un angolo verde

Piante e fiori su scrivanie e uffici non solo migliorano l’ambiente rendendolo più accogliente, ma favoriscono un aumento della produttività aziendale.

Inoltre ci ricordano la bellezza della natura, che è un dono da preservare.

Secondo una ricerca effettuata in Olanda e Regno Unito, le piante aumenterebbero la produttività dei dipendenti del 15%.

I motivi sono tre:

  • migliorano la qualità dell’aria, purificando l’ambiente e rendendolo più salutare;
  • stimolano la creatività;
  • favoriscono la concentrazione, rendendo il luogo lavoro più produttivo.

Basterebbe arredare la scrivania di ciascun dipendente con piccole piante grasse, che non richiedono grandi cure.

9.Utilizza solo lampadine a LED

Per rendere l’ufficio ecologico e ad alta efficienza energetica è buona norma sostituire tutte le lampadine presenti con lampadine a LED.

La tecnologia LED consente infatti di risparmiare fino all’80% di energia elettrica rispetto alle lampadine tradizionali, bloccando l’emissione di raggi ultravioletti e fornendo uno spettro luminoso simile a quello del sole.

Visita il nostro e-shop, puoi trovare un vasto assortimento di lampadine a LED.

 

Potrebbe interessarti anche:Come organizzare l’ufficio in casa: 6 regole per il tuo benessere

Se preferisci, vieni a trovarci!

Saremo felici di consigliarti nell’acquisto dei migliori materiali per l’ufficio che consentono il risparmio energetico e il riciclo.

Scriba è sempre al tuo fianco!

brainstorming

Brainstorming e brainwalking: regole e creatività al centro

L’espressione brainstorming indica una modalità di lavoro di gruppo in cui si sfrutta la capacità creativa dei partecipanti con lo scopo di fare emergere tante alternative per la risoluzione di un problema.

Brainstorming è un termine inglese composto dalle parole brain (cervello) e storming (tempesta) che significa “tempesta di cervelli”. 

Il brainstorming si contraddistingue per la semplicità di pianificazione e di esecuzione ed è una tecnica di gruppo molto amata per farsi venire in mente delle idee basate sulla creatività spontanea.

È una tecnica molto utilizzata in campo pubblicitario e di marketing e ogni partecipante del gruppo contribuisce con le proprie idee, senza ordine e senza filtri. 

Le proposte vengono raccolte senza valutazioni e senza censure, per poi essere analizzate e approfondite in un secondo momento.

A coniare questo termine fu, alla fine degli anni Trenta, il pubblicitario Alex F. Osborne, che stabilì le quattro regole principali di questa tecnica di lavoro.

Vediamole insieme.

Iscriviti alla Newsletter e ricevi subito un buono di 20 Euro
da utilizzare online o in negozio! Approfittane!

APPROFITTA DELLA PROMOZIONE IN CORSO !
20€ di sconto
in store & online


Brainstorming: le 4 regole principali

1. Nessuna critica alle idee degli altri

Nel brainstorming, quando si prende la parola, si possono esprimere una o più nuove idee.

Non è concesso agli altri partecipanti interrompere o criticare.

2. Sono benvenuti tutti i pensieri trasversali e i capovolgimenti di idea

Il brainstorming ha una propria dinamica che può portare al fatto che le idee di una sessione prendano una precisa direzione.

I partecipanti non dovrebbero aver timore tuttavia di nominare un’idea che va in tutt’altra direzione.

Entrambi i meccanismi portano spesso a buoni risultati.

3. La quantità prima di tutto

È importante avere un flusso di idee continuo, anche se tra queste ve ne sono molte insensate o deboli sul piano del contenuto.

Anche le proposte percepite come errate sono importanti per essere poi eliminate in contrasto con le idee valide.

A ogni partecipante deve essere assicurato che ogni contributo venga preso in considerazione e inserito tra le scelte.

4. Lavoro di perfezionamento su ogni idea 

Solo se vengono riportate tutte le idee, ad esempio con l’aiuto di una lavagna o di una whiteboard, la sessione di brainstorming entra nella fase di valutazione senza filtri. 

Prima della sessione è fondamentale individuare un moderatore, ossia qualcuno che si occupi di redigere un protocollo e che fissi così la maggior parte delle idee emerse durante la sessione.

Se alcune idee vengono ignorate e non vengono riportate, si rischia di demotivare i partecipanti.

Mentre la sessione effettiva è divertente e leggera, durante l’analisi delle idee raccolte si devono filtrare e discutere obiettivamente i risultati davvero utilizzabili. 

Per fare brainstorming hai bisogno di una lavagna e di tanti post-it colorati: li trovi sull’e-shop Scribanet.com

Varianti del Brainstorming: il Brainwalking

Il concetto di brainstorming oggi viene inteso in maniera piuttosto libera e descrive spesso qualsiasi metodo di ricerca di idee spontanee. 

Anche l’ambiente di lavoro moderno ha portato a nuove varianti di brainstorming e sempre più uffici utilizzano le piattaforme online per scambiarsi idee e svilupparle.

Le varianti più comuni al brainstorming sono:

  • Brainstorming abc
  • Brainstorming elettronico
  • Brainwriting
  • Brainwalking

Vediamo oggi il brainwalking, particolarmente adatto nei settori creativi e nei progetti visivi quale può essere, ad esempio, la creazione di un logo aziendale.

Il brainwalking è una variante in uso del brainstorming in cui viene si attiva la creatività dei partecipanti, posizionando in maniera intelligente cartelloni e post-it in tutto l’ufficio.

I partecipanti hanno la possibilità di fissare i loro pensieri su questi cartelloni di modo che alla fine ne emerga una raccolta di idee.

Il brainwalking si slega così dalla cornice ben definita di un meeting o di una chatroom, e si basa piuttosto sul fatto che i partecipanti annotino qualcosa che viene loro in mente spontaneamente mentre sono al lavoro.

Vedremo a breve anche le altre tre tecniche di brainstorming e quali sono i loro principali utilizzi.

Potrebbe interessarti anche:

 

presentazione efficace

Come creare una presentazione efficace in 10 step

Al giorno d’oggi il sistema più usato per la presentazione di progetti o studi è quello con le slide.

Questo metodo visuale è all’ordine del giorno nel mondo del lavoro (riunioni, interventi a convegni, realizzazioni di un pitch per potenziali investitori) della scuola e delle università.

A scuola le slide rendono la lezione più piacevole e chiara mentre in ambiente lavorativo sono utili per spiegare con chiarezza metodologie e obiettivi. 

Quali sono le slide migliori? 

Le slide migliori, quelle dei grandi comunicatori (come Steve Jobs), hanno pochissimo testo. A volte solo una parola, oppure lasciano parlare le immagini.

Vediamo insieme quali sono gli elementi da considerare per creare una buona presentazione, che mantenga alta l’attenzione del pubblico e trasmetta il messaggio in modo efficace.

Conosci la promozione Benvenuto di Scriba?
Iscriviti alla newsletter e scarica subito
il buono da 20 Euro da utilizzare online o in negozio!

 

 

Dieci consigli per creare slide efficaci

L’aspetto più complesso del creare una presentazione efficace è quello di imparare a gestire il rapporto tra slide ed esposizione orale, rendere cioè coerenti i due canali comunicativi con lo scopo di valorizzare il messaggio.

Prova a seguire questi semplici consigli:

1. Prepara una traccia.

Preparare la traccia della tua presentazione ti servirà ad avere le idee più chiare e a presentare i concetti in modo logico e ordinato.

2. Pianifica la struttura delle slide.

Parti con una slide con il titolo, una con l’introduzione, una con l’indice degli argomenti, una con i soli titoli degli argomenti che tratterai.

In un secondo momento inserirai qualche call-to-action (chiamata all’azione), immagini, citazioni, grafici e altro.

Nell’ultima slide riassumi il tuo messaggio in uno slogan originale, una citazione, il “succo del discorso” che è il tuo obiettivo.

3. Usa elenchi puntati per focalizzare gli elementi importanti o i dati, ma soprattutto per attirare l’attenzione verso ciò che devi dire. 

4. Evita di inserire troppo testo: parole scritte e parole parlate devono essere diverse e complementari. Cerca di non scrivere più di sei righe.

5. Scegli con attenzione il carattere e cura la grafica.

6. Ricorda l’importanza del titolo.

Il titolo è un concentrato di contenuto e, di ogni slide, deve trasmettere il messaggio principale.

Nei titoli (che devono avere lo stesso carattere in ogni slide) usa forme attive e parole chiave.

7. Usa un layout predefinito.

Tutte le slide devono essere omogenee. Contenuti ed elementi grafici devono seguire lo stesso allineamento

8. Limitati a una sola idea per slide.

In ogni slide trasmetti un solo concetto e riducilo eliminando avverbi e aggettivi. Cerca di non scrivere più di sei righe. 

9. Usa elementi grafici.

Immagini, diagrammi, tabelle e icone rendono la tua presentazione più interessante, comprensibile e memorizzabile.

10. Non esagerare con le animazioni speciali e gli effetti di transizione.

Il consiglio è di utilizzare sempre la stessa animazione e usare un solo effetto di transizione, leggero. È più che sufficiente. Troppe animazioni è segnale di poca professionalità.

Visita l’e-shop di Scriba:
puoi trovare tutto quello che ti serve per la scuola e per l’ufficioScopri

Cosa ne pensi? Trovi che che questi consigli possano esserti utili?

Potrebbero interessarti anche:

agenda 2023

Agenda 2024: consigli utili per scegliere quella giusta per te

Questo è il periodo perfetto per comprare e prenotare un’agenda per il 2024.

Sul mercato ce ne sono davvero tantissime: come scegliere l’agenda giusta?

Per uno studente la scelta più ovvia è quella di un diario. Pratico, comodo e pensato appositamente per chi studia. 

Per gli adulti invece ecco qualche consiglio su come scegliere l’agenda perfetta.

Che tipologia di agenda cerchi?

Prima di tutto prova a chiederti quale tipologia di agenda è più adatta a segnare i tuoi i tuoi impegni, di lavoro ma non solo.

Qual è l’uso che ne dovrai fare?

Dovrai portarla con te o la lascerai in ufficio o a casa?

Nel primo caso forse è meglio optare per un’agenda piccola e pratica, non ingombrante.

Nel secondo caso puoi permetterti anche un’agenda di un formato più grande e un po’ più pesante.

Mensile, settimanale o giornaliera

Scegliere un’agenda giornaliera, settimanale o mensile cambia il tuo modo di approcciarti al suo utilizzo.

Quanti appunti prendi al giorno? Come ti sta più comodo ricordare i tuoi impegni?

L’agenda giornaliera ti consente una programmazione più dettagliata, l’agenda mensile invece è più schematica ma sicuramente più sottile e comoda da portare sempre con te.

Un buona via di mezzo è l’agenda settimanale, che ti permette di avere sott’occhio immediatamente gli impegni della settimana.

I sette giorni, dal lunedì alla domenica, sono raggruppati in due fogli vicini, così, quando apri la pagina saprai immediatamente non solo quello che dovrai fare oggi, ma anche domani o nel fine settimana.

Lo spazio per scrivere però non è tantissimo, anche se in queste agende spesso trovi un lato della pagina per scrivere le note, oppure qualche pagina in ogni mese per le note.

 

agenda settimanale

 

  • Agenda settimanale Quovadis pocket: una settimana su due pagine. 13 mesi da dicembre a dicembre, pagina di sinistra da lunedì a sabato, pagina di destra domenica + appunti, informazioni pratiche e rubrica intercambiabile. Carta avorio certificata PEFC, stampa bicolore, rilegatura con spirale.

 

Allo store di Scriba puoi prenotare il tipo di agenda che intendi usare nel 2024.

Passa da noi per valutare modello e prezzo personalizzati!

 

L’agenda giornaliera invece lascia molto più spazio alla scrittura. Ogni pagina è dedicata ad un unico giorno ed è perfetta se si vuole scrivere anche pensieri, fare degli schizzi, riportare spese o altre annotazioni.

Puoi trovarla però anche in dimensioni tascabili (o meglio, di dimensioni ridotte) ed è comoda per essere portata sempre con te.

 

agenda

 

 

Per scegliere tra queste due opzioni devi prima di tutto capire come sei.

Sei una persona pratica che usa la sua agenda solo per memorizzare gli impegni?

O sei una persona creativa che ama scrivere tutto ciò che riguarda la giornata?

Con data o senza data

In commercio puoi trovare anche agende o diari non datati, ossia con i 12 mesi e  che puoi usare qualsiasi anno, come ad esempio il diario femminile nell qui sotto.

Agenda comoda o creativa?

La differenza tra un’agenda pratica e un’agenda che ti dà la libertà di esprimere la tua creatività sta nella rilegatura.

L’agenda ad anelli è sicuramente più scomoda sia da portare in borsa sia per scrivere un appunto veloce, ma hai la possibilità di aggiungere delle sezioni per te importanti che magari non trovi in ogni agenda.

Ce ne sono di vari modelli in commercio: quella classica e quella che sembra quasi un portafoglio, dotata di pratiche tasche dove riporre documenti o appunti.

 

agenda

 

  • Agenda settimanale TimeLife 2024: agenda rilegata con spirale. Una settimana su due pagine. 13 mesi da dicembre a dicembre, rubrica amovibile, 32 pagine di appunti riposizionabili, anno-planing pieghevole. Rivestimento in grana effetto pelle, chiusura con elastico verticale.

 

L’agenda rilegata in modo classico invece è una specie di quaderno dove sarà  più semplice scrivere, ma sicuramente più difficoltoso aggiungere dei fogli.

Per aggiungere qualcosa puoi usare dei post-it o graffette per aggiungere dei fogli al suo interno, Inoltre in genere l’agenda rilegata in modo classico è più snella rispetto a un’agenda ad anelli.

L’agenda eco-friendly

Sei sei una persona attenta all’ambiente devi sapere che in commercio ci sono tante proposte eco-friendly: agende con pagine in carta riciclata PEFC, con l’utilizzo di inchiostri vegetali e non inquinanti, o con copertine realizzate con materiali di recupero.

 

 

eco

 

 

 

E tu, hai deciso quale agenda scegliere per il 2023?
Lasciaci la tua opinione, iscriviti alla newsletter e ricevi un buono di 20 Euro da utilizzare sul nostro e-shop o in negozio. Approfittane!

 

APPROFITTA DELLA PROMOZIONE IN CORSO !
20€ di sconto
in store & online

 

Potresti leggere:

 

 

norway

Zaini Backmann di Norway: prova anche tu lo stile norvegese

La linea di zaini Beckmann, marchio leader della casa di produzione norvegese, riscuote sempre un certo successo.

La proposta dei diversi modelli di zaino incontra l’interesse di un pubblico trasversale che parte dai giovani studenti, che lo usano anche nel tempo libero, per arrivare al professionista.

Gli zaini Backmann di Norway sono apprezzati per la loro sobrietà e uno stile rigoroso che mette insieme una scelta di materiali ecosostenibili (il tessuto è ricavato dal riciclo di bottiglie di plastica) con una struttura ergonomica indispensabile per ogni uso.

Backman lo zaino che rispetta ergonomia e ambiente

Lo zaino Backman è pertanto un buon compagno per aiutare il bambino a scuola e nel tempo libero.

La sua struttura ergonomica rende questo zaino un supporto fondamentale che aiuta e rispetta la colonna vertebrale del giovane studente in crescita.

L’Associazione giapponese dei chiropratici e l’IGR – Institut für Gesundheit und Ergonomie hanno dato la loro certificazione e raccomandazione a Backmann Norway in quanto tutti gli zaini rispettano i loro rigorosi standard indicati nelle linee guida.

L’obiettivo è quello di fornire a studenti e giovani degli zaini che aiutino una postura sana utile per evitare il mal di schiena.

Oltre a questo scegliere uno zaino Backmann significa rispettare l’ambiente in quanto i materiali usati nella fabbricazione sono 100% costituiti da plastiche riciclate.

 

Passa dallo store di Scriba di San Bonifacio per provare gli zaini Backmann di Norway (foto di backmann-norway.com)

Il modello Urban: la scelta ideale

Lo zaino Urban di Norway è un modello con una capacità e una struttura ideali per un vasto pubblico.

Ecco le caratteristiche principali:

  • Volume di 30 litri
  • fascia toracica e supporto anatomico per la schiena per aumentare la stabilità
  • scomparto separato con cerniera per laptop o tablet
  • tasca laterare sinistra e destra per borraccia
  • copertura antipioggia integrata nello scomparto inferiore
  • materiale utilizzato 100% riciclato (n.37 bottiglie di plastica PET)

Questa versione è una delle più usate dai giovani studenti per la sua capacità e manegevolezza.

Il modello Urban Black rimane sempre una scelta centrata!

 

zaino backman
Da Scriba trovi questi modelli: Backmannn Urban 30 lt, City Max da 34 lt, City da 30 lt. e Sport Junior da 30 lt (foto di backmann-norway.com)

City Max: la capienza prima di tutto

Il modello City Max è lo zaino perfetto per chi ha bisogno di scomparti spaziosi e pratici.

Con una capienza di 34 litri può essere usato per contenere computer, libri e bottiglie.

Anche questo modello è progettato con una fascia di supporto che permette di suddividere equamente il peso del contenuto sull’intero tronco lombare.

Sport Junior: il modello per i bambini

La gamma di zaini Backman comprende anche il modello Sport Junior 30 litri.

Con il suo design sportivo e diversi pratici scomparti è il modello scelto dai bambini che trovano anche gli accessori coordinati come astucci, borse a tracolla e borsoni.

La linea di zaini Backmann di Norway è la scelta perfetta per un pubblico che apprezza maneggevolezza, ergonomicità e qualità dei materiali.

Alla fine lo stile norvegese si apprezza e si vede in ogni dettaglio.

Passa anche tu, senza impegno, dallo store di Scriba a San Bonifacio (Verona) per confrontare i diversi modelli di zaini Backmann Norway e sceglierli in base alle tue esigenze.

Ti aspettiamo!